Osteria dei Binari, Cotignola (RA). Un locale carino, ben gestito, che ‘sa di nuovo’

Sosta per pranzo lavorativo solitario, in questo ristorante nella frazione Zagonara, a due passi da quella ferrovia che gli dà il nome. Sorta di “cottage”, di moderna concezione, con veranda esterna e piccolo giardino, arredato modernamente, fatta eccezione per le stampe e i richiami ad una (suppongo) soppressa stazione ferroviaria un tempo attiva da quelle parti. Due giovani cameriere, svelte una tacca sopra la media, seguono con buona cura e andatura le due sale e il cortile, contribuendo a dare al locale nel suo complesso una freschezza che da tante alte parti pare smarrita. Prendo un paio di piatti del giorno che “funzionano” ma che oggettivamente non strabiliano e nemmeno possono farlo (risotto allo zafferano e petto di pollo ai ferri); ma la sbirciata al menù (solo pasta fatta in casa), la visione di qualche dolce di passaggio (piuttosto incoraggiante) e la chicca del caffè “solo nella moka” mi suggeriscono un ripassaggio serale che al momento mi trova ottimista. Conto sotto i 15 euro con due piatti, pertanto direi che (perlomeno per ora!) ci siamo…